La biochimica non è sufficiente

Eppure non è sufficiente la biochimica per comprendere cosa fanno i vaccini obbligatori. occorre un nuovo paradigma. In una cellula, notava il p. Nobel H. Frölich, vi sono circa 3000 enzimi e il numero di cellule del corpo umano è nell’ordine di grandezza di almeno centomila miliardi, che moltiplicato per 3000 dà 10 alla 17sima sistemi enzimatici dialoganti. un numero pazzesco.Enzima è costituito in gran parte da proteine e componenti di RNA, sono molecole che governano praticamente tutte le reazioni biochimiche, potendo accelerarne la velocità di un enorme numero di volte. Una molecola di catalasi (detossificante della cellula) arriva a scindere in un secondo 40 milioni di molecole di acqua ossigenata, proteggendo così l’organismo dall’azione dei radicali liberi dell’ossigeno. Proteine specifiche di membrana cellulare provvedono al riconoscimento del sé e non sé, alla ricezione di segnali fisici e chimici, alla loro trasformazione e amplificazione. Sono protagoniste privilegiate nel sistema di comunicazioni dell’organismo e nel coordinamento dei segnali di ogni tipo, cellulari e intercellulari. Rivestono un ruolo determinante nella regolazione dell’espressione genica e quindi nel promuovere la crescita “differenziata” dei diversi tipi cellulari, pur essendo identico il DNA in tutte le cellule del medesimo organismo. Sulle proteine fondano i sistemi di controllo neuro-endocrino-immunitari e, in sintesi, tutti i processi fondamentali della vita. MA LA LORO ATTIVITA’ DIPENDE DALL’INTEGRITA’ DELLA CONFORMAZIONE PROTEICA NATIVA.
La Bioelettrodinamica Organizzativa Coerente destituisce dunque di ogni fondamento la pretesa di considerare INSIGNIFICANTI le piccole dosi di questo o quell’inquinante nel mondo della tecnologia industriale, dove ogni giorno si moltiplica l’erosione delle coerenze spazio/temporali intrecciate dalla vita. (Da Scienza e Coscienza cap. 6 e 7) Molti farmaci e veleni inibiscono le attività enzimatiche. C’è ancora da capire l’insulto alla struttura profonda della vita, proprio nelle sue attività basilari, anche nei punti di biforcazione, nei passaggi chiave delle attività enzimatiche tra la fase precedente e quella successiva, compiuto da un esavalente o quadri-trivalente E’ qui che si può fermare la vita e si scompagina la sua formazione naturale. Poi arrivano le mutazioni chimiche, anche profonde, delle strutture geniche, le infiammazioni, i disturbi neurologici. Perché si è interrotta la coerenza vitale informativa originaria. Ed è un crimine

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *